“Dejamos nuestros destellos de luz encendidos …para que otros nos los apaguen..”

Luzinterruptus è un collettivo di anonimi artisti che crea installazioni urbane all’interno di spazi pubblici, utilizando la luce come materia prima e la notte come tela.

Il loro lavoro ebbe inizio nelle strade di Madrid alla fine del 2008, con l’intento di fissare un punto di attenzione luminoso ai problemi  riguardanti la città ed i quali sembrano passare  inosservati alle autorità ed ai cittadini.

Non sempre però il loro progetto artístico parte da un’iniziativa sovversiva, in alcune occasioni, infatti, essi desiderano semplicemente abbellire gli spazi urbani, togliere dall’anonimato luoghi o angoli particolari ai quali assegnano un valore artistico straordinario, nonostante questi siano stati lasciati al caso dai passanti.  Tutto ciò viene eseguito attraverso la materia che più ispira questi artisti, ovvero la luce, la quale, oltre a proporre un grande impatto visivo, permette di fare intervenzioni all’interno delle installazioni, senza deteriorare il tessuto urbano e senza togliere la scena al lavoro di altri artisti che collaborano all’interno di uno spazio comune.

Oltre alla luce, anche  i rifiuti, il reciclaggio e le materie prime raccolte dall’ambiente sono di ispirazione al gruppo;  la vita nella città nonché l’utilizzo dello spazio pubblico, la natura e la rivendicazione sociale sono il loro cavallo di battaglia.

Questi  interventi  sono straordianriamente effimeri: a volte scompaiono in meno di un’ora, dal momento che spesso i gatti randagi non resistono al desiderio di giocare con essi. Ma questo rende il tutto ancora più affascinante agli occhi di coloro i quali hanno la fortuna di poter ammirare le installazioni nel loro breve istante di vita.

Nell’ultimo progetto “Politicos bajo videovigilancia” il grupo ha collocato 75 telecamere di videosorveglianza  false e dotate di una luce rossa intermitente, di fronte ai cartelloni pubblicitari utilizzati dai partiti durante la campagna elettorale, osservando da vicino le loro facce ritoccate per le foto.

Politici sotto osservazione quindi e non solo da parte dei cittadini che li osservano stupefatti, ma anche dai mercati che li tengono sotto stretta sorveglianza ed i quali, carichi di uno sconfinato potere, generano una razza di tecnocratici al servicio della crisi economica.

Questa installazione venne eseguita il 19 novembre lungo le strade di Madrid, con l’intenzione di generare un dibattito ed una riflessione tra i passanti riguardo alle passate elezioni  spagnole.

Per saperne di più: http://www.luzinterruptus.com