L’artista italiana Anna Utopia Giordano ha avuto l’originale idea di passare per il bisturi di Photoshop le abbondanti curve di dieci famosissime Veneri, modellandole secondo i canoni estetici attuali.  Le linee mobide e armoniose delle donne botticelliane, lasciano il posto a dei corpi esili e siliconati da “ragazza copertina” dei giorni nostri. La Venere che scherza con due colombe di Heyez (1830), La Venere di Urbino di Tiziano (1538) e la celebre Nascita di Venere di Botticelli, sono solo alcune delle opere che sono state rimodernizzate da Anna. Il progetto, diffusosi attraverso le reti sociali, non vuole essere una critica ai canoni di belleza moderni ma, più seplicemente, si limita a domandare che cosa sarebbe successo se l’estetica attuale fosse stata ritratta dai grandi artista del passato.