Fotografo da tre anni e ormai e’ una malattia, una bella malattia che mi ha contagiato e dalla quale non intendo guarire….non cerco la foto, il più delle volte e’ lei che trova me e quando succede succede naturalmente senza sforzo.

Mi piace osservare, guardarmi intorno; un giorno un amico passando davanti a un muro con una finestra blu mi disse una frase che non dimentico”chiunque passando 100 volte davanti a questo muro vedrà sempre lo stesso muro, un fotografo 100 foto diverse”. Massimo Raldeni